sabato 28 giugno 2014

Dell'amore donnesco

Mi è capitao con alcune amicizie tra donne di chiedermi: che cos'è questo sento per la mia amica? Perché voglio sempre stare con lei, perché ho voglia di raccontarle tutto? Mi è capitato di dirmi: Come sento il bisogno di stare con lei! Stare con lei mi fa stare bene, mi rende felice! Quando sono con lei mi sento bella! Mi è capitato di percepire Bellezza e Grazia nei miei sentimenti rispetto a un'altra donna.
Sono sentimenti che nulla tolgono all'amore per l'uomo, all'amore per i figli. Ma che anzi nutrono e bilanciano queste relazioni vitali ma che possono diventare totalizzanti.
Non sto parlando di omossessualità. Argomento di cui so poco. Argomento su cui mi sento di dire solo questo: se i miei figli, crescendo, dovessere amare un altro uomo, spero con tutto il cuore che lo possano fare in piena libertà, spero con tutto il cuore che possano avere una vita dignitosa e diritti che tutelino le loro esistenze. Ho grande rispetto per i miei figli, so che mi renderanno orgogliosa e che sapranno amare. Non sta a me decidere chi.
Ma l'amore donnesco, l'amore che sanno provare le donne, può essere rivolto alle altre donne senza bisogno di farsi etichettare.
E' ammirazione, è felicità di stare insieme, è gratitudine, è bisogno di contatto, è sogno di perfezione, bisogno di completezza, è crescita.
Questo Amore però non sembra avere un posto legittimo nella mappa delle relazioni umane lecite ai nostri tempi.
Non è una novità. E non è una novità quante generazioni di donne abbia fatto soffrire questa aderenza tra la realtà del cuore e la realtà sociale che non permette di vivere in libertà l'amore donnesco. Gli esempi celebri si sprecano: Virgina Woolf, Simone De Beauvoire... 
Potranno le nostre figlie trovare un nome per condivire nella società, per reificare, e infine legittimare questi sentimenti potenti e importanti? Non lo so.
Fare finta che non esistano però non è funzionale, almeno non è stato così nella mia vita.


Ringrazio Annalisa Bruni per l'aggettivo "donnesco, donnesca".

Nessun commento:

Posta un commento